Vitto e alloggio gratuiti in cambio di qualche ora di lavoro.
Lentezza, condivisione e intrecci di vita.
Workaway: un modo di viaggiare che risveglia l’energia dentro di te.

“Ma come, andate in vacanza a lavorare?”

Quando abbiamo detto ai nostri amici e conoscenti che avremmo fatto la nostra prima esperienza di viaggio tramite Workaway, questa è stata la domanda che ci è stata rivolta più spesso!

Andare in vacanza e lavorare sembra una cosa da pazzi stacanovisti, ma da tempo sentivamo l’esigenza di fare un viaggio alternativo ed incentrato sull’aiuto reciproco.

Abbiamo scoperto Workaway dopo varie ricerche e da quel momento ci siamo messi in testa di provare un viaggio economico che sa di lentezza e scambio di storie di vita.

Perché se anche tu vuoi intraprendere un viaggio con un budget limitato e hai tanta voglia di trascorrere attivamente le tue vacanze, allora Workaway potrebbe fare al caso tuo.

Workaway fa per te se…

  • vuoi sperimentare uno stile di vita che non conosci
  • ami conoscere persone e storie
  • hai voglia di sperimentare modi di vivere diversi
  • sei disposto a condividere
  • vuoi viaggiare in modo alternativo e vivere come un local
  • sai adattarti a diverse situazioni e stili di vita
  • sei disposto a scambiare alcune ore della tua giornata per lavorare in cambio di vitto e alloggio
Lavoro vitto e alloggio

Questa era la zona bagno a fianco del caravan dove dormivamo

Ed ecco altri aspetti positivi:

  • non ci sono limiti massimi di età per iscriversi, basta essere maggiorenni
  • è aperto alle famiglie
  • ti permette di viaggiare, ma anche di assaporare i luoghi come la gente del posto
  • è disponibile in tantissimi Paesi, anche in Italia
  • i progetti sono veramente tanti e diversissimi: dal giardinaggio all’insegnamento delle lingue, dall’attività di receptionist alla cura degli animali, dal babysitting al lavoro nelle fattorie
  • si possono fare esperienze a breve o a lungo termine
  • è un modo per mettersi in gioco e divertirsi!

Che ne dici, ti piace?

Volontariato all'estero

Come capita spesso, prima di partire per una nuova avventura i dubbi possono essere molti: di cosa si tratta?  È sicuro viaggiare in questo modo? Avrò abbastanza tempo libero per girare? E se non mi piace? Ovviamente la risposta a tutte queste domande è: dipende.

Per toglierci alcuni di questi dubbi, prima di partire abbiamo raccolto tutte le informazioni dal sito ufficiale e valutato con cura la meta che più rispecchiava le nostre esigenze.
La nostra scelta? Una tradizionale tenuta in mezzo ad un parco naturale nelle vicinanze di Tortosa, Spagna. A breve pubblicheremo un articolo in cui raccontiamo questo viaggio.

Adesso ti spieghiamo come organizzare al meglio la tua avventura con Workaway.

Cos’è Workaway

Workaway è un portale online di scambio culturale che mette in contatto host (chi ospita i volontari) e viaggiatori.

Parliamo di viaggio e non di vacanza, perché con Workaway servono uno spirito e una consapevolezza particolari. Non si tratta di viaggiare gratis, ma di condividere.

Workaway è una sorta di volontariato che ti permette di viaggiare anche per lunghi periodi di tempo senza spendere soldi per vitto e alloggio, semplicemente ricambiando con qualche ora di lavoro.

Se parti con voglia di fare e mente aperta, questa esperienza ti regalerà nuove abilità, idee, storie da raccontare e tornerai carico di energia.

Lavoro con vitto e alloggio

 

Step by step: come funziona Workaway

Il sito ufficiale è in inglese e raccoglie moltissime informazioni dettagliate su come registrarsi, come usare al meglio il portale e una sezione dedicata alle esperienze dei viaggiatori.

1. Informati

Se sei indeciso sul progetto a cui vuoi dedicarti o su dove andare, ti consigliamo di dare un’occhiata ai vari annunci e agli host. Avrai così un’idea più chiara e capirai dove direzionarti.

Le ricerche si possono filtrare per Paese, durata e tipo di progetto, parola chiave, recensioni.

Ogni host ha un profilo completo di foto, date disponibili, recensioni, descrizione personale e del progetto.

2. Registrati sul sito di Workaway

La registrazione su Workaway è a pagamento e si può fare come viaggiatore singolo o coppia (solo se si viaggia sempre in coppia). In alternativa, si possono creare dei profili singoli e poi unirli quando è il momento di “candidarsi” per un determinato host.

La registrazione singola costa 36 EUR, quella di coppia 48 EUR e dura un anno.

3. Crea il tuo profilo Workaway

Per creare il profilo su Workaway hai bisogno di:

  • alcune foto
  • una bella descrizione che rappresenti te e le tue intenzioni
  • indicare il periodo in cui sei disponibile
  • indicare i tuoi interessi.

Il profilo è il tuo biglietto da visita che gli host vedranno quando ti proponi. È importante idearlo con cura, soprattutto all’inizio finché non avrai recensioni.

Gli host ricevono infatti tante candidature e molte volte sono costretti a scartare alcuni candidati per mancanza di spazio nei loro alloggi. Un bel profilo completo e un messaggio di presentazione accattivante contribuiranno sicuramente maggiori risposte positive.

4. Proponiti agli host

Gli host sono tantissimi e mandare richieste in massa poco originali non servirà né a te né a loro. Nessuno avrà voglia di leggere una candidatura chiaramente copiata e incollata per altri mille host.

Funziona come per la ricerca del lavoro. La parola chiave è personalizzare.
Dai un tocco personale alle richieste scrivi una spiegazione motivante sul perché ti candidi proprio per una determinata esperienza e fai capire che ci tieni.

Consigli
Ricordati di salvare host e progetti tra i preferiti e di filtrare le ricerche. Potrai così concentrarti sui progetti che desideri maggiormente.

Tieni a mente: Workaway è di per sé una piattaforma affidabile. Il pagamento del profilo non significa però che tutti gli iscritti siano persone interessate allo scambio culturale. Leggi bene le recensioni!

 

5. Accordati con l’host

Arriverà il momento in cui il tuo host accetterà la candidatura, evviva!

La comunicazione con l’host è molto importante. Fai domande per risolvere i tuoi dubbi, se sai già di fermarti solo per un certo periodo mettilo bene in chiaro.

Ti consigliamo di chiarire molto bene:

  • le ore effettive di lavoro
  • i compiti da svolgere
  • quando avrai i giorni liberi (non è scontato che il weekend sia libero)
  • come arrivare al luogo in cui si svolgerà il progetto. Non ci sono indirizzi su Workaway e non tutti gli host specificano nella descrizione dove si trova il posto. Fatti dare l’indirizzo, un numero di telefono, indicazioni su come raggiungerli
  • quale sarà la tua sistemazione

Chiarire queste cose eviterà situazioni imbarazzanti e malumori.

Se ti capiterà di dover annullare il viaggio, avvisa il tuo host per tempo. Potrà così riaprire la disponibilità per un altro viaggiatore e chissà, magari potrete accordarvi per una data futura.

Se si cancella non è richiesto alcun pagamento o penale, è solo questione di educazione.

Altra cosa importante: Workaway ha il solo compito di mettere in contatto viaggiatori e host. Anche se è possibile segnalare al portale qualsiasi cosa andata male, Workaway non interviene in caso di situazioni spiacevoli una volta arrivati sul luogo di volontariato. Ecco perché è molto importante fidarsi dei propri istinti e leggere accuratamente le recensioni prima di buttarsi e dire sì ad un determinato progetto. Sii cauto!

6. Organizza gli altri aspetti del viaggio

Workaway ti dà la possibilità di metterti in contatto con gli host e scambiarti comunicazioni con loro.

Voli, visti, assicurazione sanitaria, sono però tutti aspetti che dovrai organizzare autonomamente.

Workaway consiglia World Nomads come assicurazione di viaggio. L’abbiamo acquistata anche noi nel viaggio nel Sud-Est asiatico ed è tra le più complete.

Per quanto riguarda visti, condizioni politiche e sanitarie del Paese, noi ci affidiamo sempre a Viaggiare Sicuri.

7. Goditi l’avventura!

Working away

Altri piccoli consigli per goderti al meglio l’esperienza Workaway

Anche se hai a disposizione poche settimane per viaggiare, approfittane! Molti progetti hanno una durata minima di poche settimane e noi abbiamo usato proprio due settimane di vacanza per fare quest’esperienza. Altri progetti prevedono invece una durata più lunga, ma se cerchi bene trovi sempre qualcosa che fa al caso tuo.

Se non ricevi risposta prova a rivedere il tuo profilo e la tua email di presentazione agli host. Può capitare che gli host non rispondano perché ricevono tante candidature, ma non demordere. Continua a cercare.

Informati in anticipo, soprattutto per quanto riguarda i visti e i voli. È antipatico confermare ad un host la tua presenza e poi disdire perché i voli sono troppo alti o perché non riesci ad avere il visto in tempo.

Usa l’esperienza Workaway per imparare nuove abilità, nuovi modi di vivere, nuove ricette e idee per la tua vita.
Workaway può essere l’esperienza che ti regalerà ispirazione e ti farà e vedere il mondo con occhi diversi.

A noi è piaciuto tantissimo e siamo tornati pieni di energia e voglia di fare.

Pronto a partire? Non vediamo l’ora di sentire com’è andata!